Video Trend
12 min
24 Jul 2018
Angela D'Aprile

Trend Video: come leggerli e sfruttarli per il marketing della tua azienda.

Se esiste un trend, in fatto di contenuti digitali, che è in continua crescita, questo è proprio quello del digital video. Dal content marketing al social media marketing, questa tendenza è stata costante negli ultimi anni e ha visto diversificarsi sempre di più anche i formati e la durata dei video. Dai video long form a quelli brevi da 6 secondi, dal live streaming alle branded video series, dal formato quadrato a quello verticale, qualunque sia la sua modalità, il video ha rivelato un’enorme capacità di engagement, e brand e marketer sembrano averlo ormai capito bene. Per questo una content strategy ben fatta non può prescindere da una approfondita conoscenza dei trend video.
Quali sono le statistiche da conoscere per sfruttare al massimo il trend? Quali dati è necessario tenere presenti prima di pianificare una video marketing strategy? Quali sono i Trend Video del momento?

 
Cosa dice Mary Meeker a proposito di Trend Video
 
Stando all’ultimo Internet Trends Report di Mary Meeker (un’autorità nel settore), il video segue oggi tre tendenze fondamentali da non sottovalutare: è mobile, è in diretta e è in piena esplosione (soprattutto Cina). Quest’ultimo dato in particolare ci consente uno sguardo sul futuro della crescita dei video, dato che oggi è proprio il mercato cinese a dettare i trend in fatto di digital e tecnologia.
 
1. Il video è mobile
 
Forse non lo ricordiamo neanche più quel tempo in cui anche la sola idea di poter guardare un video dal nostro cellulare sembrava ridicola. Con schermi in bianco e nero e velocità di navigazione su internet imbarazzanti, nessuno si sarebbe mai sognato di guardare un clip musicale o perfino un film sul proprio telefono. Dall’altra parte, poi, anche chi produceva video non si poneva minimamente il problema del migliore formato per la visualizzazione di un video dal telefonino.
Oggi invece, grazie a 
velocità di connessione decisamente più elevate, migliori device per la fruizione dei contenuti multimediali e app dedicate, guardare video da smartphone è praticamente la normalità. Dai video musicali su YouTube, alle nostre serie preferite su Netflix durante un viaggio, tutti guardiamo video dai dispositivi mobili.
Secondo il report di Mary Meeker, se il consumo di video sui dispositivi mobili ha cominciato ad aumentare già a partire dal 2012, è nel 2015 che ha davvero iniziato ad avere una impennata, con un numero globale di minuti visualizzati al giorno che sono passati 
dai circa 14 minuti nel 2015 a circa 35 minuti nel 2018.
 

 

2. Il video è live
 
Negli ultimi anni, il live streaming è emerso come una delle modalità più popolari di video online. Inizialmente riservato solo agli appassionati o a chi organizzava eventi, negli ultimi tre anni i video dal vivo sono diventati un mezzo di intrattenimento e comunicazione praticamente onnipresente, dai video con gli amici nelle app di instant messaging, ai live su Instagram e su Facebook, fino ad app dedicate al live streaming come Twitch. In particolare, secondo il report, il tempo medio di streaming giornaliero su Twitch è aumentato di oltre cinque volte tra il 2012 e il 2017, da circa 3 milioni di visualizzazioni giornaliere nel 2012 a circa 16 milioni nel 2017.
 

 
3. Il video è il contenuto preferito in Cina
 
Dal 2016 l’utilizzo di internet da mobile in Cina è aumentato in modo fenomenale. Secondo l’Internet Trends Report 2018 e secondo i dati del Ministero dell'Industria e dell'Information Technology cinese, il consumo di dati mobili è salito da 9 exabyte nel 2016 a 25 exabyte nel 2017 (con un aumento del 177%). La quantità crescente di tale utilizzo dei dati, in particolare, è dovuta al video mobile: il tempo che i consumatori cinesi spendono per interagire con video mobile su base giornaliera è aumentato infatti dal 13% al 22%. In particolare sarebbero i video di breve durata ad aver in gran parte contribuito a questa crescita, ma anche i video in formato esteso hanno registrato un aumento generale della popolarità, passando da poco più di 200 milioni di ore di media giornaliera di fruizione da mobile nel 2016 a circa 375 milioni nel 2018. Nel frattempo, anticipando anche i trend futuri in fatto di video, la spesa in investimento pubblicitario per le reti televisive cinesi è gradualmente diminuita dal 2014 a favore della spesa per le piattaforme di video online.

 
Cosa significano questi trend per il video marketing?
 
Il report di Mary Meeker indica chiaramente che il dominio dei contenuti video online è inarrestabile, con un aumento costante di consumo procapite del video e di investimenti pubblicitari sui contenuti video. Con nuove forme di contenuto e nuovi mercati emergenti nei quali il video è estremamente popolare, brand e aziende possono trarre il massimo vantaggio e costruire video per ogni tipo di obiettivo sia di marketing che di comunicazione 
Angela D'Aprile
Classe 1979, la comunicazione prima che una professione è la mia naturale propensione. Costruire relazioni, creare strategie, unire insieme azioni online/social e offline per il raggiungimento di un obiettivo misurabile è il mio lavoro quotidiano. Dopo numerose esperienze professionali, dal 2014 sono la Communication Manager di Traipler.com.
Ultimi articoli
Perché nel 2019 non potremo più fare a meno del Video Marketing
Leggi l'articolo
3 tipologie di video per il tuo Video Content Marketing
Leggi l'articolo
Video Marketing che funziona? 3 regole per non sbagliare.
Leggi l'articolo