Video Marketing
6 min
25 Oct 2017
Angela D'Aprile

Video Marketing: nel 2020 il video costituirà oltre l’80% del traffico web.

Secondo una ricerca di CISCO nel 2020 il video costituirà oltre l’80% del consumo totale di traffico internet.
I video rappresentano già oggi circa il 70% del traffico globale, ma questo dato è destinato ad aumentare in modo rapido, non solo a causa della spinta verso questo contenuto da parte delle principali piattaforme social come Facebook, YouTube, Snapchat o Instagram, ma anche per la trasformazione in atto nelle abitudini di fruizione da parte delle nuove generazioni. In particolare la generazione dei Millennial - con un target variabile a seconda dei parametri presi in considerazione, ma in generale comprensiva dei nati tra gli anni Ottanta e primi Duemila, cresciuti con un accesso a Internet e abituati all’interazione con le tecnologie - è formata da consumatori e futuri consumatori con un approccio spiccatamente visuale alla comunicazione.

 

Le nuove abitudini dei consumatori e i video
 

 
I nuovi consumatori, i Millennial, sono fedeli ai social media e all’immediatezza con la quale si comunica in rete. Hanno imparato che un’immagine può comunicare più di mille parole e dopo essersi cimentati nella diffusione di grafiche e contenuti visuali come meme, infografiche, fotografie modificate attraverso i filtri di Facebook, Instagram e Messenger, ora hanno spostato la loro attenzione verso un media ancora più potente ed espressivo: il video.
 
Distratti da mille stimoli visivi e dalle notifiche dello smartphone, hanno trovato nel video uno strumento in grado di comunicare in modo velocissimo e completo tutto ciò di cui hanno bisogno. Spesso non è neanche necessario l’audio, perché sono sufficienti i sottotitoli, ma anche quando ci si dedica a contenuti più estesi, come un film o una serie, il mezzo digitale è indispensabile.
 
Cosa possono imparare i brand dalla nuova fruizione dei contenuti video
 

 
Oggi tutte le aziende, anche quelle locali che non puntano ad una esclusiva attività di vendita online, devono competere su Internet per guadagnarsi l’attenzione dei propri consumatori e instaurare così relazioni durature che gli permettano di comunicare per un tempo prolungato con clienti e potenziali clienti.
In questo contesto di bombardamento massivo di contenuti, riuscire a coinvolgere l’utente significa spostare i suoi pochi secondi di attenzione verso qualcosa di più attrattivo e interessante, e farlo con i video è decisamente più semplice.
 
Secondo le statistiche, i Millennial trascorrono il 50% in più del proprio tempo guardando video online rispetto alla TV. E i video sono guardati per una serie di motivi diversi:
  • semplice intrattenimento
  • ricerca di informazioni prima di effettuare un acquisto
  • ricerca di informazioni su un argomento
  • istruzioni per svolgere un’attività (tutorial, videoricette, ...)
I video sono in genere preferiti a testo e immagini perché sono più concisi e vanno dritti al punto, sono immediati e permettono di vedere dal vivo procedure, particolari e descrizioni dettagliate, ma sono anche divertenti e facili da guardare.
 
Se stai cercando di conquistare il mercato di oggi, non potrai fare a meno di creare video unici e originali, per generare una connessione duratura con il tuo pubblico e coinvolgerlo nel tuo brand. Non resta che scegliere il partner più giusto con cui sviluppare la propria strategia Video. 
Angela D'Aprile
Classe 1979, la comunicazione prima che una professione è la mia naturale propensione. Costruire relazioni, creare strategie, unire insieme azioni online/social e offline per il raggiungimento di un obiettivo misurabile è il mio lavoro quotidiano. Dopo numerose esperienze professionali, dal 2014 sono la Communication Manager di Traipler.com.
Ultimi articoli
Programmatic Adv e Digital Video stanno cambiando la televisione
Leggi l'articolo
Mercato Musicale e Video Marketing: la musica che si guarda nuova frontiera per la promozione dei brand.
Leggi l'articolo
Guardare non basta più. “Il mese del marketing”, “Eroica”, “Immaginazione” e molto altro
Leggi l'articolo