Video Marketing
5 min
25 Sep 2019
Angela D'Aprile

Retail e Video Marketing: video mobile first e comportamenti degli utenti in-store

Il futuro del retail è nell’integrazione tra online e offline e questo è un dato di fatto. Tante le tematiche connesse, ma occupandoci noi di ‘video marketing’, abbiamo sentito il bisogno di soffermarci sulla tendenza dei consumatori a utilizzare i video per informarsi e lasciarsi ispirare anche mentre fanno shopping in negozio.
Le ricerche su Google effettuate da dispositivi mobili mentre gli utenti sono fisicamente in negozio sono cresciute del 15% negli ultimi anni. Le persone cioè utilizzano, più che mai, i propri smartphone per fare ricerche sui prodotti che vogliono acquistare anche negli store fisici.
 
*MOBILE FIRST è un imperativo oggi, ad esempio da luglio 2019 Google ha dichiarato chiaramente che prediligerà l’indicizzazione della versione mobile ti tutti i nuovi siti web, per quelli esistenti era ed è indispensabile adeguarsi. 
 
Ciò che potrebbe meravigliare è che tra i contenuti visualizzati in-store vi siano anche i video. Ma davvero ne sei sorpreso? Pensiamoci un attimo: il video è veloce, in pochi secondi comunica tutto quello che può servire tra gli scaffali del supermercato o in un negozio di abbigliamento, o in un negozio per il fai da te.
 
*VIDEO MOBILE FIRST vuol dire che oggi ogni piano di video marketing deve prevedere dei formati video verticali o adeguati ad una buona esperienza video da mobile.
 
Immagina di dover scegliere accessori o arredamento per la tua casa: perdersi tra mille proposte è semplicissimo. Si corre il rischio di essere sopraffatti da dettagli, colori, misure, dimensioni e personalizzazioni, o ancora, può capitare di lasciarsi conquistare da un marchio fino a quel momento sconosciuto. Invece di aspettare di essere di nuovo alla scrivania di casa per fare qualche ricerca, per te sarà molto più semplice e veloce tirare fuori dalla tasca il tuo smartphone e cercare online proprio in quel momento. Tutto quello che ti serve è sicuramente tra i primi risultati proposti, e tra questi troverai proprio dei video.
 
In effetti, stando ai dati diffusi da Google, oltre il 55% dei consumatori in tutto il mondo afferma di utilizzare video online mentre fa acquisti in negozio. Cambia il modo di vivere i negozi e pertanto cambiano i negozi stessi. 
Retail è sinonimo di offline, oggi è ancora possibile? Sicuramente no, non può esserci scissione netta, online e offline possono e devono lavorare insieme per fornire un’unica e migliore esperienza d’acquisto all’utente.
 
Ma per quale motivo le persone si affidano alla visione di un video in negozio prima di fare un acquisto? I motivi sono principalmente tre.
 
video marketing ricerche in-store


1. Il video si trasforma in una lista della spesa virtuale

Carta e penna per scrivere la lista della spesa su un bigliettino che quasi sempre anche tu perdi o dimentichi a casa? Solo un vecchio ricordo. 
Sempre più persone rinunciano a compilare una lista delle cose da comprare: se devono cimentarsi nel fai da te o preparare una ricetta, ad esempio, preferiscono
guardare direttamente un video con tutte le istruzioni o gli ingredienti mentre sono nei corridoi del supermercato. 
 
Più pratico, veloce e preciso, un video permetterà di non scordare davvero nulla del necessario. Inoltre, spesso nei video si trovano suggerimenti, indicazioni e raccomandazioni utili alla decisione d’acquisto.


2. Il video dà fiducia alle persone

Con un video puoi… trovare tutte le risposte che vuoi!
Quando le persone
hanno bisogno di maggiori informazioni su un prodotto saranno più felici di trovare le risposte in un video. Questi possono anche essere utilizzati come fac-simile da mostrare a un commesso, facilitano spesso anche la relazione con il personale del negozio in caso di ‘richiesta aiuto’ sull’acquisto di un prodotto.
 
Soprattutto quando si tratta di argomenti complessi o poco conosciuti, la possibilità di informarsi e rivedere velocemente le informazioni in un video, conferisce maggiore sicurezza ai consumatori ed è determinante in fase di acquisto.


3. Un video può essere l’elemento decisivo nella scelta


Lo prendo! Mhhh, no, non lo predo. Ma sì dai, lo prendo. No, forse ci penso meglio… e vissero tutti felici e… indecisi.
Per fortuna anche nell’
indecisione tra due o più prodotti simili, un video può essere determinante. Oltre il 50% delle persone afferma che i video online aiutano e sono determinanti nella scelta del marchio da acquistare.
 
Un video ad esempio può essere utile per capire le caratteristiche specifiche di un prodotto, se questo è davvero ciò che cerchiamo per risolvere il nostro problema, per conoscere anche le opinioni degli altri consumatori che lo hanno già acquistato.


Cosa implica tutto questo per la strategia di Video Marketing in ambito Retail?

Questo comportamento delle persone in rapporto alle ricerche da mobile in-store e, ancora di più, i motivi che vi sono alla base, sono un dato importantissimo per le strategie di video marketing aziendale.
E’ bene che i clienti trovino il video giusto sul cellulare (è bene quindi fare video che rispondano alle esigenze descritte sopra) per assecondare questa nuova dinamica di acquisto. Ma se i clienti trovassero tutti i video di cui hanno bisogno per scegliere già nei negozi?

Se il Video Marketing in ambito Retail riuscisse a creare dei ‘VIDEO TOUCH POINT’ sul punto vendita mostrando video:
- con innumerevoli abbinamenti tra capi di abbigliamento
- con innumerevoli casi d’uso di ogni tipo di oggetto (arredo, fai da te, tech, casalinghi, beauty, healthcare)
- con ricette e consigli di cucina, consigli sui prodotti o video descrizioni dei prodotti stessi.
... se i clienti trovassero tutti i video di cui hanno bisogno per scegliere già nei negozi, comprerebbero di più.
 
Costruire video capaci di rispondere alle esigenze reali delle persone, proprio nel momento in cui ne hanno bisogno, può facilitare la scelta di acquisto e la crescita del fatturato.
Il futuro del retail è nell’integrazione tra online e offline e questo è un dato di fatto, ma è anche... video, video, video.
 
 
Angela D'Aprile
Classe 1979, la comunicazione prima che una professione è la mia naturale propensione. Costruire relazioni, creare strategie, unire insieme azioni online/social e offline per il raggiungimento di un obiettivo misurabile è il mio lavoro quotidiano. Dopo numerose esperienze professionali, dal 2014 sono la Communication Manager di Traipler.com.
Ultimi articoli
Programmatic Adv e Digital Video stanno cambiando la televisione
Leggi l'articolo
Mercato Musicale e Video Marketing: la musica che si guarda nuova frontiera per la promozione dei brand.
Leggi l'articolo
Guardare non basta più. “Il mese del marketing”, “Eroica”, “Immaginazione” e molto altro
Leggi l'articolo