Video Marketing
10 min
12 Sep 2018
Angela D'Aprile

5 consigli per realizzare una campagna di Video Marketing perfetta

Chiunque trascorra un po’ di tempo su Internet si è già reso conto da tempo che i video stanno diventando i contenuti più apprezzati dagli utenti, che li guardano, li condividono e li commentano. Andando più a fondo, poi, le statistiche di marketing confermano questa prima impressione: il video marketing rappresenterà più del 70% del traffico degli utenti. Anche gli annunci video per i dispositivi mobili cresceranno cinque volte più velocemente di quelli per desktop e i tassi di conversione delle landing page contenenti video saranno migliori. Il video marketing, insomma, si sta diffondendo rapidamente e continuerà a crescere per i prossimi anni. I video infatti sono oggi contenuti più potenti di quelli grafici, hanno un impatto maggiore sul pubblico e ne richiamano immediatamente l’attenzione.

 

Fare una campagna di Video Marketing e farla bene
 
Brand e aziende oggi iniziano a fare i conti con questo trend e cominciano ad orientare risorse e investimenti sulle campagne di video marketing. Farlo con consapevolezza, però, significa non solo conoscere le statistiche del settore, ma anche tecniche, regole e strategie. Ad esempio sapere che i video nel formato quadrato hanno un rendimento migliore rispetto ai video orizzontali sui social, o che il live streaming aiuta nell’engagement dell’audience, è fondamentale. Ecco quindi una serie di utili consigli per migliorare le tue campagne di marketing video nel 2018.

1. Scegli i tempi giusti
 
Secondo i dati, chi atterra su un sito web o su una landing page in cui è presente un video, guarda solo i primi 10 secondi. Questo è il tempo utile per catturarne l’attenzione e dargli un motivo per continuare a guardare ed è in questo spazio che andrebbero inseriti già alcuni riferimenti al brand o al prodotto, ma anche ai valori aziendali in cui le persone possano rispecchiarsi per provare empatia.

2. Individua obiettivi chiari
 
Prima di creare un video è necessario capire cosa si cerca di ottenere con quel contenuto? Si sta cercando di fare awareness e quindi di infondere il marchio nelle menti di clienti e potenziali clienti? O si sta facendo pubblicità ad un evento o ad un’offerta sui prodotti? Si sta, ad esempio, comunicando alle persone la possibilità di iscriversi ad un concorso? Prova a metterti nei panni del tuo pubblico e pensa a cosa gli passerà per la testa quando guarderà il tuo video. Cosa vorresti comunicargli? Per mantenere il contenuto informativo, interessante e pertinente col messaggio, utilizza lo storytelling: costruirai più facilmente relazioni con le persone, senza concentrarti solo sulla promozione del tuo prodotto.

3. Ottimizza i video
 
Soprattutto su YouTube, anche i contenuti video devono essere ottimizzati con parole chiave pertinenti che rispondano alle domande degli utenti e che consentano ai motori di ricerca di indicizzare il contenuto. Basta pensare che YouTube è oggi il secondo motore di ricerca più grande dopo Google, con milioni di utenti su base giornaliera. Inserire titoli, meta description e keyword non serve solo a rendere il video più completo, ma soprattutto a farti trovare dalle persone che cercano i tuoi prodotti o la tua azienda.

4. Scegli la call to action adatta
 
Come azienda, non devi dimenticare l’obiettivo finale di ogni strategia di marketing: vendere di più. Che questo passi attraverso la raccolta di maggiori informazioni di contatto o attraverso un maggior numero di visite al sito web, c’è sempre un’azione che vorremmo che fosse eseguita dagli utenti. Queste conversioni sono possibili utilizzando la giusta call to action (CTA) e posizionandola nel momento o nell’area ideale, ad esempio nei primi secondi del video o negli ultimi per lasciarla più impressa nella mente delle persone, o all’interno della descrizione. In ogni caso è fondamentale usare le call to action e dare loro una posizione di massima visibilità.
 
5. Realizza il tipo di video più in linea con gli obiettivi
 
Probabilmente la più grande domanda che ci si pone quando si tratta di video è quale tipologia di video realizzare per il proprio brand o per il proprio prodotto o servizio. 
  • video “how to”, ad esempio, sono l’ideale per offrire informazioni preliminari alle persone rispetto all’utilizzo del prodotto o per dare consigli post-vendita.
  • video narrativi sono lo strumento più adatto per fare branding e comunicare storia e valori dell’azienda, quindi per costruire relazioni con il pubblico.
  • I live streaming, invece, possono essere molto utili per sbirciare nel dietro le quinte della produzione o far conoscere il proprio team, creando così maggiore fiducia verso il marchio.
Per ogni obiettivo e ogni fase della comunicazione, insomma, esiste una tipologia di video ideale e una campagna di video marketing adeguata. Costruire la tua presenza video online, pianificare una strategia di video marketing è il primo passo per proiettare il tuo business nel futuro e costruire oggi il successo di domani. Non aspettare, comincia adesso!
Angela D'Aprile
Classe 1979, la comunicazione prima che una professione è la mia naturale propensione. Costruire relazioni, creare strategie, unire insieme azioni online/social e offline per il raggiungimento di un obiettivo misurabile è il mio lavoro quotidiano. Dopo numerose esperienze professionali, dal 2014 sono la Communication Manager di Traipler.com.
Ultimi articoli
6 tendenze Video Marketing/Advertising che ci guideranno fino al 2023
Leggi l'articolo
Cosa cercano le persone nei video online?
Leggi l'articolo
Internet Advertising: se sei Millennial e imprenditore la pubblicità è nel tuo DNA.
Leggi l'articolo