Video Marketing
10 min
20 Nov 2018
Angela D'Aprile

3 tipologie di video per il tuo Video Content Marketing

Lo ha confermato anche l’ultimo report pubblicato da IAB Europe per il 2018: il Video Content Marketing è la modalità che ha registrato il più alto tasso di crescita in fatto di investimenti pubblicitari nel comparto digital. Per questo sta diventando sempre più importante - e più vantaggioso - includere questi strumenti nella strategia di digital marketing di ogni azienda.
 
 
Non è solo un trend, ma è un fatto dimostrabile da chiunque di noi che quando siamo online sempre più spesso guardiamo video, non solo come intrattenimento, ma anche per ricercare informazioni utili. Questo perché la visione di un video è spesso più rapida e immediata della lettura di un articolo, oltre ad essere enormemente più coinvolgente.
Il Video Content Marketing, insomma, ha modificato il customer journey, come dimostrano alcune recenti ricerche:
  • le aziende che utilizzano il video marketing aumentano le entrate del 49% più velocemente rispetto a quelle che non lo fanno;
  • guardare un video di un prodotto è utile nel processo decisionale secondo il 90% dei visitatori;
  • video aumentano del 157% il traffico organico dai motori di ricerca;
  • secondo Forrester Research, una email contenente un video porta ad un aumento del tasso di clic del 200-300%.
Questi risultati sono talmente interessanti che qualsiasi imprenditore e marketer dovrebbe avvertire l’urgenza di includere i video nelle proprie iniziative di marketing.
E soprattutto, ogni Agenzia di Comunicazione dovrebbe comprendere l'importanza di offrire ai propri clienti piani di comunicazione che comprendano imprescindibilmente una strategia di Video Content Marketing.
 
 
Qual è il modo più giusto per farlo subito? Innanzitutto partire dalla considerazione di tre diverse tipologie di video utili per il Video Content Marketing.
 
1. Video professionali
 
video professionali sono video di alta qualità realizzati da videomaker professionisti - o ancora meglio da un team di professionisti composto da Storyteller, Videomaker, Communication strategist -  che non solo si occupano del girato, ma anche dell’editing, e ancora prima della scelta della location e dell’ideazione della storia, e dopo della sua distribuzione. Quando il cliente avrà il prodotto finito, potrà comunicare in modo efficace ed engaging sul proprio sito web o sui social e in generale su tutti i canali digitali del brand. Questi video sono utili per costruire la brand awareness e la presenza online del marchio, in modo da ampliare la visibilità dell’azienda attraverso lo storytelling.
 
2. Live streaming o social video
 
video in diretta sui canali social dell’azienda sono spesso girati in modo più “amatoriale”, utilizzando magari uno smartphone o un tablet, e per lo più senza editing. Si tratta di contenuti destinati ad essere utilizzati uno o due volte, o magari pensati per le piattaforme di live streaming come Facebook Live e Instagram Stories, per poi scomparire dopo qualche ora dai feed degli utenti. Sono il contenuto perfetto per comunicare notizie lampo, eventi, o per chiedere ai clienti di fornire la loro recensione sul prodotto e mostrarne il funzionamento. Anche se in genere sono autoprodotti, hanno il vantaggio di poter aggiungere facilmente un grande numero di utenti - merito in parte degli algoritmi dei social che privilegiano questi tipi di video - e di generare un forte coinvolgimento, in termini di like e commenti.
 
3. Video content-driven
 
Questo tipo di video content driven, definito anche come “video basato sui contenuti”, è spesso realizzato in grafica, talvolta con sistema di registrazione schermo, e senza l’uso di strumenti specifici come videocamere o smartphone. Sono quei video composti da immagini - spesso animate - foto e testi, simili ad una presentazione in Power Point, ma corredate da un audio (parlato o musicale), che accompagna l’utente nella visione. Con questa tecnica sono prodotti i video-tutorial dei software, per fare un esempio, ma possono essere anche utili per corredare un blog post, un whitepaper o altro materiale informativo sull’azienda. Il vantaggio che offre questa tipologia di video sta principalmente nel fatto di creare subito una connessione visiva con il pubblico, rendendo più semplice la comunicazione di informazioni anche piuttosto tecniche.
Prova a sperimentare alcune di queste tipologie di video nella tua strategia digitale di Video Content Marketing  per scoprire quale impatto possono avere sulle conversioni, e ricorda di rivolgerti sempre a professionisti della realizzazione video per raccontare la tua storie nel modo più efficace!
Angela D'Aprile
Classe 1979, la comunicazione prima che una professione è la mia naturale propensione. Costruire relazioni, creare strategie, unire insieme azioni online/social e offline per il raggiungimento di un obiettivo misurabile è il mio lavoro quotidiano. Dopo numerose esperienze professionali, dal 2014 sono la Communication Manager di Traipler.com.
Ultimi articoli
Perché nel 2019 non potremo più fare a meno del Video Marketing
Leggi l'articolo
3 tipologie di video per il tuo Video Content Marketing
Leggi l'articolo
Video Marketing che funziona? 3 regole per non sbagliare.
Leggi l'articolo