Traipler Solutions
10 min
04 Dec 2017
Angela D'Aprile

Dalle (video) Stories di Instagram e Snapchat, alla tua storia.

A quanti post di Facebook hai messo like oggi? Quanti sono i tweet che hai letto da stamattina o retwittato? Quante foto hai già condiviso su Instagram? Quasi tutti oggi iniziamo la nostra giornata afferrando lo smartphone e controllando le notifiche, per essere certi di non esserci persi nulla anche durante la notte. E questo fa crescere in modo impressionante non solo la quantità di contenuti che vengono prodotti ogni giorno, ma anche le interazioni che video, post e storie generano.
 
Nei primi 60 secondi della tua giornata, su Facebook sono già stati inviati oltre 4 milioni di Mi piace, mentre più di 2 milioni di cuoricini rossi si sono accesi su Instagram e i cinguettii di Twitter sono già stati quasi 350.000.
 
Secondo i dati diffusi lo scorso anno da The Word Pro, le persone pubblicano 300 ore di video su YouTube e guardano circa 7 milioni di video su Snapchat ogni minuto. Al tempo stesso, Statistic Brain riporta che la nostra capacità media di attenzione è scesa dai 12 secondi (che avevamo nel 2000) agli 8 secondi di oggi. E questo rende ancora più efficace la comunicazione tramite video: più immediata e in grado di catturare l’attenzione con le sue storie, anche attraverso racconti di pochi secondi. I social network lo sanno e invitano utenti e aziende a utilizzarli sempre di più.
 
Perché i video e lo storytelling sono gli alleati del Social Media Marketing
 
Nella battaglia di informazioni per vincere l’attenzione di un consumatore sempre più distratto, che controlla il suo smartphone mediamente 150 volte al giorno, e la sua email almeno 20 volte all’ora, il video e lo storytelling sono diventate le parole d’ordine del Social Media Marketing.
 
Grazie al video storytelling siamo in grado di presentare idee, esperienze e messaggi in modo rapido ed efficace, catturando l’attenzione delle persone e facendo apprezzare valori aziendali e prodotti.
 
Alla base di tutto, alla base del racconto così come del passaparola che questo è in grado di generare sui social, ci sono le persone, sempre più appassionate e coinvolte, sempre più partecipi e pronte all’interazione.
 
Le regole per creare video che vengano condivisi dagli utenti.
 
Nella creazione dei tuoi video ci sono alcune regole fondamentali che non potrai dimenticare:
 
  • far arrivare valori e contenuti interessanti alle persone
  • far conoscere te stesso agli altri
  • far nascere e crescere relazioni
  • far interessare la tua community al brand e ai valori che ti rappresentano di più
La necessità di condividere nasce quando la storia che viene raccontata è in grado di suscitare in noi sentimenti chiave, positivi (ispirazione, divertimento, commozione) o negativi (preoccupazione, paura, disgusto). Se la storia che ci viene raccontata tramite i video muove in queste direzioni, la faremo nostra e la racconteremo a nostra volta.
 
Sei pronto a ispirare e commuovere il pubblico con la tua storia? Inizia a raccontare la tua azienda con i video!
Angela D'Aprile
Classe 1979, la comunicazione prima che una professione è la mia naturale propensione. Costruire relazioni, creare strategie, unire insieme azioni online/social e offline per il raggiungimento di un obiettivo misurabile è il mio lavoro quotidiano. Dopo numerose esperienze professionali, dal 2014 sono la Communication Manager di Traipler.com.
Ultimi articoli
Perché nel 2019 non potremo più fare a meno del Video Marketing
Leggi l'articolo
3 tipologie di video per il tuo Video Content Marketing
Leggi l'articolo
Video Marketing che funziona? 3 regole per non sbagliare.
Leggi l'articolo