>

Video Marketing Industries

Torna alla home

Video Marketing e Travel Market: dati e trend del settore.

Il video marketing ha stravolto il mercato travel sfruttando tutti i vantaggi di una comunicazione coinvolgente ed efficace. I dati non mentono!
Lo scenario in cui l’utente fruisce delle informazioni è radicalmente mutato e la soglia di attenzione si è considerevolmente abbassata portando alla necessità di trovare dei modi più veloci ed incisivi per veicolare le informazioni.
In questo contesto il video si è inserito quale strumento d’elezione per trasmettere informazioni in maniera veloce ed immediata e in modo molto più incisivo.
Un video, sappiamo, è molto più facile da ricordare rispetto ad un testo scritto, cattura l’attenzione in pochi secondi e, se ben realizzato, riesce a tenere avvinto più a lungo lo spettatore rispetto ad un testo scritto. Un altro fattore importante è l’alto tasso di condivisione dei contenuti video che vengono pubblicati sui social: la condivisione aumenta la diffusione del messaggio e contribuisce in maniera importante alla brand awareness.
In una comunicazione moderna, che tenga conto delle mutate esigenze culturali della società, il settore dei viaggi e del turismo si sta adeguando implementando nuove forme comunicative che includano una seria content strategy che faccia largo utilizzo di video.
Il video marketing è sempre stato lo strumento d’eccellenza per il settore viaggi e turismo.
Prima del periodo Covid, in uno studio realizzato da Think with Google appariva chiaro che il Turismo non poteva fare a meno del video marketing quale strumento di comunicazione:

 - Il 79% di chi deve organizzare un viaggio di piacere guarda video su YouTube per informarsi, e il dato sale all’81% quando si tratta di viaggi d’affari
 - Il 65% degli utenti utilizza video per scegliere la destinazione dei propri viaggi
 - Il 54% degli utenti utilizza video per decidere in quale struttura soggiornare nel corso di un viaggio
 - Il 63% degli utenti utilizza video per decidere cosa fare nei luoghi scelti per il viaggio.
Appare chiaro come una società del settore turismo non possa prescindere da una seria strategia video per le proprie campagne di marketing. Era così, ed è così, nonostante tutto.

Purtroppo il settore travel è in un momento di grade sofferenza, in Italia e nel mondo. Sul sito di Federalberghi si legge: "A seguito dell'emergenza sanitaria Covid-19, nel 2020 sono andate perse 235 milioni di presenze (-53,8% rispetto al 2019), con un calo di fatturato del settore ricettivo pari a 13,4 miliardi di euro (-54,5%). A gennaio 2021 nel comparto ricettivo sono andati persi circa 60 mila posti di lavoro temporanei. Una volta terminata la cassa integrazione, dovranno purtroppo attendersi conseguenze anche sui contratti a tempo indeterminato."


Il mercato Travel ha subito uno stop pesante, solo in Italia, ha registrato un calo delle presenze del 55% rispetto all'anno precedente e una pesante perdita di ricavi. Nonostante la situazione drammatica, i dati ci dicono che lentamente, con lo sviluppo delle campagne vaccinali, anche il mercato travel riprenderà a muoversi. Ci vorrà del tempo prima che tutto torni com'era o anche meglio, e in tanti si chiedono 'come sarà tornare a viaggiare'. Si prediligeranno i piccoli centri, un po' meno le città? Nell'immediato si preferirà restare nella propria nazione o si tornerà ad andare all'estero senza alcun timore?

Secondo alcune indicazioni de L’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano che ha analizzato dati e andamenti del mercato travel in Italia, si cominciano a intravedere barlumi di speranza e ripresa legati soprattutto al canale digitale, aumentano le prenotazioni dirette, aumenta il contatto diretto con le strutture per raccogliere informazioni dettagliate e precise legate soprattutto al maggior bisogno di sicurezza di tutti noi. Se la speranza del mercato travel passa dal digitale, è bene ricordare che non può esserci campagna e presenza digital di successo che non contempli una produzione video pensata per il mercato di riferimento.

Sfruttare il digitale adesso per il mercato travel vuol dire:
- costruire esperienze digitali di valore in termini di check-in, prenotazione, etc..
- predisporre un customer service digitale preparato a rispondere a ogni quesito
- costruire una strategia di promozione digitale e di video marketing capace di rispondere tanto al bisogno di scoprire luoghi nuovi quanto al bisogno di informazioni precise

YouTube, un motore di ricerca che ben si presta a veicolare informazioni ed emozioni.

Quando i viaggi sono raccontati per immagini, in una strategia di video marketing per il settore Viaggi e Turismo la punta di diamante è il canale YouTube. YouTube, con oltre un miliardo di utenti attivi ogni mese, è non solo una potente piattaforma video, ma anche un importantissimo motore di ricerca utilissimo per trovare e farsi trovare. Ogni giorno gli utenti navigano tra la miriade di proposte pubblicate sul canale alla ricerca di qualcosa e digitano infinite ricerche che vengono elaborate e a cui viene data risposta dai precisi algoritmi del canale. In questo panorama, pubblicare un video su YouTube appare come la soluzione ideale per farsi trovare e per veicolare al meglio i propri contenuti.

Ma come emergere in un contesto quanto mai affollato? Se si pensa che ogni minuto vengono caricate su YouTube oltre 500 ore di video, la domanda non è affatto scontata.
In quest’ottica appare di fondamentale importanza un corretto lavoro di ottimizzazione in chiave SEO del video, che tenga conto delle parole chiave e delle ricerche degli utenti. Produrre contenuti utili e che rispondano alle queries online è certamente un buon inizio per essere trovati e visti da un pubblico estremamente ampio. Capire in anticipo qual è il pubblico di riferimento, e su di esso modulare la comunicazione interpretandone le esigenze, è un passaggio fondamentale a cui deve far seguito una corretta ottimizzazione dei contenuti video. In questo modo si daranno gli strumenti giusti ai motori di ricerca i quali saranno così in grado comprendere il contenuto del video e proporlo a quanti facciano ricerche ad esso inerenti.

Social Media Marketing. Emozione e condivisione viaggiano in rete. Il potere della condivisione.

Una strategia di video marketing deve fare affidamento anche su un buon social media marketing. Utilizzare i social come cassa di risonanza di contenuti video è una scelta lungimirante ed efficace che permette di raggiungere un pubblico ampio ed interessato.
Le possibilità date dalla condivisione dei contenuti in rete sono molteplici e la possibilità che un contenuto venga riproposto sulle bacheche degli utenti non va sottovalutata.
La suggestione data da un buon video, girato in maniera emozionale, con belle immagini ed una buona regia è molto forte e, soprattutto sui social, può dare una spinta in più alla campagna messa in atto.
In base a tutte queste considerazioni sempre più aziende che operano nel settore turismo si stanno adeguando al cambiamento in atto e iniziano ad utilizzare video marketing e una solida strategia social all’interno delle proprie campagne pubblicitarie con risultati che appaiono eccellenti.




Angela D'Aprile

Classe 1979, la comunicazione prima che una professione è la mia naturale propensione. Costruire relazioni, creare strategie, unire insieme azioni online/social e offline per il raggiungimento di un obiettivo misurabile è il mio lavoro quotidiano. Dopo numerose esperienze professionali, dal 2014 sono la Communication Manager di Traipler.com.

Consigliati per te